mercoledì 3 gennaio 2018

Omosessualità e fascismo

Fritz Wolfgang Samuel Straßmann, auch Strassmann (* 27. August 1858 in Berlin; † 30. Januar 1940 ebenda)
La demonizzazione in Italia dell’omosessualità è avvenuta prima del periodo fascista attraverso la pubblicazione di “Medicina Legale” di Strassmann e Carrara  pubblicato nel 1901, Mario Carrara è stato un medico e accademico, padre della medicina legale in Italia, e passò alla storia come uno dei pochissimi docenti universitari italiani che rifiutarono il giuramento di fedeltà al fascismo.

Mentre Strassmann, era un medico che proveniva da una famosa famiglia di medici ebrei di Berlino, Strassmann era co-fondatore della società tedesca per la medicina giudiziaria . Le sue pubblicazioni più importanti includono il libro di testo della medicina giudiziaria pubblicato nel 1895 e l'antologia della medicina e del diritto penale (1911).


Nel 1930 sotto il fascismo durante la redazione del Codice Rocco, è stato deciso di non rendere illegale l’omosessualità (contrariamente a quanto facevano altri paesi in cui c’era la democrazia). Lo Strassmann Carrara è stato pubblicato nel 1901. Qui si può trovare la gazzetta ufficiale del 1930. E qui si può trovare trovare il testo integrale del codice Rocco. Come si può leggere non ci sono riferimenti all'omosessualità (pag.197 Capo II Delle offese al pudore e all'onore sessuale), Alfredo Rocco era un fascista e l'omosessualità non è stata demonizzata storicamente dai fascisti, ma da un antifascista che ha tradotto in italia il testo di un medico ebreo.

Dopo che i statunitensi 1951 impongono le basi nato in Italia, gli psichiatri statunitensi nel 1952 definiscono l’omosessualità come “personalità psicopatica con patologia sessuale”, e la associano a comportamenti antisociali e violenti come lo stupro, l’assalto sessuale e la mutilazione.

Manuale diagnostico dei disordini mentali, edizione del 1952:

“OOQ-x63 Sexual deviation
This diagnosis is reserved for deviant sexuality which is not symptomatic
of more extensive syndromes, such as schizophrenic and obsessional reactions.
DEFINITION OF TERMS 39
The term includes most of the cases formerly classed as "psychopathic
personality with pathologic sexuality." The diagnosis will specify the type
of the pathologic behavior, such as homosexuality, transvestism, pedophilia,
fetishism and sexual sadism (including rape, sexual assault, mutilation).”

Nel DMS seconda edizione del 1968 addirittura l’omosessualità viene indicata come la prima malattia sessuale:


Lo stesso Sigmund Freud padre della psicoanalisi, in “Introduzione alla psicoanalisi” del 1915, definisce l’omosessualità come una nevrosi, lezione ventesima:

domenica 26 novembre 2017

Platonismo e Cristianesimo

C. W. Mitchell: La morte di Ipazia


Il Cristianesimo è una setta dell’ Ebraismo, in cui sono stati forzati i concetti di Dio metafisico e anima, che sono in realtà concetti che nascono dal padre della civiltà Europea: Platone.

Concetto di Anima

Nella bibbia viene usata la parola “anima”, ma non esiste la definizione, perché il concetto di “anima” non viene dalla bibbia ma dal Dialogo di Platone “Fedro”:

“ Prima di tutto dunque bisogna intendere la verità riguardo alla natura dell'anima divina e umana, considerando le sue condizioni e le sue opere. L'inizio della dimostrazione è il seguente…”

http://www.ousia.it/SitoOusia/SitoOusia/TestiDiFilosofia/TestiPDF/Platone/Fedro.pdf

Nella bibbia non solo non c'è la definizione di anima, ma viene scritto chiaramente che non c'è differenza tra l'uomo e la bestia come si può leggere in Ecclesiaste 3,19:

"Infatti la sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa; come muoiono queste muoiono quelli; c'è un solo soffio vitale per tutti. Non esiste superiorità dell'uomo rispetto alle bestie, perché tutto è vanità."


Concetto di Dio Metafisico di Platone, contro gli Dei mortali della Bibbia

Il Dio della bibbia Yehovah è uno dei tanti dei mortali (chiamati Elohim) come viene spiegato nella stessa Bibbia in Salmo 82:6

“6 Io ho detto: «Voi siete dèi,

siete tutti figli dell'Altissimo,

7 ma certo morirete come ogni uomo,

cadrete come tutti i potenti».”


https://maurobiglino.it/2013/01/a-proposito-degli-elohim-nuovo-articolo-di-mauro-biglino/

https://www.youtube.com/watch?v=U5TptjK8lLE

Nella bibbia non esiste il concetto di Dio metafisico, il dio Yehovah ha chiaramente un corpo come si può leggere chiaramente in Deuteronomio 23 in cui il Dio Yehovah è stanco di camminare tra gli escrementi lasciati dai suoi soldati nell'accampamento:

"13 Avrai anche un posto fuori dell'accampamento e là andrai per i tuoi bisogni. 14 Nel tuo equipaggiamento avrai un piuolo, con il quale, nel ritirarti fuori, scaverai una buca e poi ricoprirai i tuoi escrementi. 15 Perché il Signore tuo Dio passa in mezzo al tuo accampamento per salvarti e per mettere i nemici in tuo potere; l'accampamento deve essere dunque santo, perché Egli non veda in mezzo a te qualche indecenza e ti abbandoni."

Il concetto di Dio Metafisico (che non ha un corpo) e Immortale viene da Platone e si può trovare nel suo dialogo chiamato “Timeo” e viene chiamato generalmente Artefice o Demiurgo:

“ Quando l'artefice, rivolgendo il suo sguardo verso ciò che è sempre allo stesso modo e servendosi di una tale entità come di un modello, realizza la forma e la proprietà di qualche cosa, è necessariamente bello tutto quello che in questo modo realizza”.

http://www.ousia.it/SitoOusia/SitoOusia/TestiDiFilosofia/TestiPDF/Platone/Timeo.pdf


La bibbia non riguarda gli Europei

Tutte le bellezze del Cristianesimo, come l’arte, le sculture, i dipinti, le opere musicali classiche, sono il risultato della nostra bravura e cultura Europea e non hanno niente a che vedere con l’originale testo Ebraico.

La religione Ebraica non appartiene agli europei, infatti come viene specificato nella stessa bibbia, il patto è tra il dio Yehovah e Giacobbe (che cambierà nome in Israele):

Genesi 28:13 Ecco il Signore gli stava davanti e disse: «Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza.

Il patto non riguarda neanche tutti gli Ebrei ma solo la famiglia di Giacobbe, perfino la stirpe del fratello gemello di Giacobbe chiamato Esaù la cui discendenza erano gli Amalechiti, andavano tutti sterminati per ordine di Yehovah.

Genesi 14:7 Poi tornarono indietro e vennero a En-Mispat, cioè Cades, e sconfissero gli Amalechiti su tutto il loro territorio, e così pure gli Amorei che abitavano ad Asason-Tamar.


Questo non sminuisce in alcuno modo tutto ciò che è l’arte Cristiana in quanto non è il risultato della bibbia ma è il risultato di tutti i concetti di Platone che sono stati forzati dentro la Bibbia.

Perfino il concetto di “Amore” non viene trattato nella bibbia, infatti per quanto venga utilizzata spesso la parola “amore” in nessun caso viene spiegata. Mentre Platone dedica un intero libro al concetto di amore, il Simposio di Platone.

http://www.ilgiardinodeipensieri.eu/testi/simposio_01.pdf

Chi per primo ha sostenuto l'interpretazione metaforica dei testi abramitici?

Filone di Alessandira - Di André Thevet - André Thevet (1502-1509)

Filone di Alessandria è colui che ha voluto l'interpretazione allegorica dell'antico testamento.

Filone l'Ebreo (Alessandria d'Egitto, 20 a.C. circa – 45 d.C.), era un coltissimo esponente della potente comunità ebraica di Alessandria, sede della più importante biblioteca del tempo ed ha deliberatamente inserito i concetti del Demiurgo Platonico nei testi mosaici, attribuendolo a Yehovah. Filone sapeva perfettamente che nella Genesi Yehowah non è un dio unico e che nella stessa genesi ci si riferisce a una moltitudine di divinità chiamate Elohim:

Genesi 3,22 Il Signore Dio disse allora: «Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della vita, ne mangi e viva sempre!». 23 Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden, perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto. 24 Scacciò l'uomo e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via all'albero della vita.

Filone con la scusa che il linguaggio non era sufficiente ad esprimere l'essenza dei testi mosaici, ha introdotto deliberatamente l'interpretazione allegorica, ossia della lettura non letterale ma interpretativa.

sabato 25 novembre 2017

Paper work - Plato's solids - Tetrahedron - The four worlds - Solido Platonico - il Tetraedro - I quattro mondi




Download - print and cut Plato's solid Tetrahedron
the four worlds

Scarica - stampa e ritaglia il tetraedro il solido Platonico
che rappresenta i quattro mondi

sabato 4 novembre 2017

Discussione sulle Leggi - Platone - Omosessualità - Libro viii - ottavo - 8

Sappho and Alcaeus · The Walters Art Museum

Clinia, uno dei personaggi del dialogo, è stato incaricato dalla città di Cnosso di emanare quelle leggi che ritiene migliori per una colonia che i Cretesi hanno intenzione di fondare, e si rivolge all’ Ateniese Platone. Il quale attraverso la riflessione teorica sulle leggi cerca di capire come applicarle alle esigenze pratiche della nuova colonia cretese.

Nell’ottavo libro, la preoccupazione di Platone riguarda il liberalismo sessuale:

“Non appena giunsi nel mio discorso alla questione riguardante l'educazione, vidi ragazzi e ragazze che si facevano reciprocamente manifestazioni d'affetto: e fui naturalmente colto dal timore, pensando che cosa si dovesse fare in uno stato simile in cui i giovani e le giovani sono bene allevati, liberi dalle fatiche più pesanti che attenuano il desiderio di eccessi, occupati tutti quanti, per tutta la vita, a fare sacrifici, feste, e cori.”

I giovani "borghesi" privi di preoccupazioni passavano il tempo a fare incularella dunque quello che preoccupa il padre della civiltà Europea sono le conseguenze a cui porta il cedere alle passioni e ai piaceri della carne:

“In che modo allora, in questo stato, si potrà stare lontani da quelle passioni che gettano la maggior parte delle persone in condizioni di estrema gravità, passioni da cui la ragione ordina di astenersi, se solo potesse diventare legge?”

Platone è molto preoccupato per le relazioni sessuali omo infatti nelle leggi scrive chiaramente:

“ma come guardarsi dagli amori dei bambini, maschi e femmine, e da quelli delle donne che assumono il ruolo di uomini, o da quelli degli uomini che assumono il ruolo di donne, donde scaturisce tutta una serie di mali sia per gli uomini in privato, sia per gli stati interi?”

E quali sono questi mali?

“Chi infatti ama il corpo, e ha fame della giovinezza come di un frutto maturo, incita se stesso a saziarsene, e non attribuisce alcun onore alla disposizione dell'anima della persona amata: chi invece assegna un valore secondario al desiderio del corpo, osservandolo piuttosto che amandolo, mentre la sua anima concupisce un'altra anima, ritiene oltraggioso che un corpo voglia saziarsi di un altro corpo, e rispettando e venerando la temperanza, il coraggio, la nobiltà d'animo, l'intelligenza, vorrebbe sempre vivere castamente insieme al casto oggetto del suo desiderio.”

Platone non condanna l’amore tra i singoli, bensì condanna il cedere al piacere della carne compresi l’adulterio e la masturbazione oltre al sesso tra individui dello stesso genere. Il motivo è semplice, uno stato per essere forte deve avere figli, e se stiamo parlando appunto delle leggi da applicare ad una colonia Cretese in formazione, il discorso ha effettivamente senso ed è estremamente concreto.

Se leggiamo il Simposio di Platone che parla di amore, anche di individui dello stesso sesso, abbiamo una visione completa di quello che è l'amore per Platone, attraverso il mito dell'androgino:

 "I maschi, infine, che provengono da un uomo di sesso soltanto maschile cercano i maschi. Sin da giovani, poiché sono una frazione del maschio primitivo, si innamorano degli uomini e prendono piacere a stare con loro, tra le loro braccia. Si tratta dei migliori tra i ragazzi, perché per natura sono più virili. Alcuni dicono, certo, che sono degli spudorati, ma è falso. Non si tratta infatti per niente di mancanza di pudore: no, è i loro ardore, la loro virilità, il loro valore che li spinge a cercare i loro simili. Ed eccone una prova: una volta cresciuti, i ragazzi di questo tipo sono i soli a mostrarsi davvero molto bravi nell’occuparsi di politica. Da adulti, amano i ragazzi: il matrimonio e la paternità non li interessano affatto - è la loro natura; solo che le consuetudini li costringono a sposarsi ma, quanto a loro, sarebbero ben lieti di passare la loro vita fianco a fianco, da celibi. In una parola, l'uomo cosiffatto desidera ragazzi e li ama teneramente, perché è attratto sempre dalla specie di cui è parte." 

E ancora sempre dal simposio:

“L'amore fra uomini è bello solo se porta alla virtù.”

Scopare si, ma solo se non è fine a se stesso, ma un fine virtuoso.

Platone in quanto vero uomo politico è concreto: cosa bisogna fare se stai creando una colonia del tuo stato? Fai passare le giornate agli uomini a fare incularella o gli fai sfornare i figli a bomba pure se gli piace il cazzo?

La visione di Platone è chiaramente nazionalsocialista, in quanto richiede il sacrificio dei singoli in favore del bene comune e dello stato, per cui il piacere personale è bandito in questa ottica.

giovedì 24 agosto 2017

Paper work - Plato's solids -Octahedron the eight forms of Idea - Solido platonico - L'ottaedro, le otto forme delle idee.




Download - print and cut Plato's solid Octahedron
the seven forms of informations

Scarica - stampa e ritaglia l'ottaedro il solido Platonico
le sette forme dell'informazione

mercoledì 23 agosto 2017

Paper work - Plato's solids - Dodecahedron the image of Universe - Solido platonico - Il dodecaedro, l'immagine dell'universo.




Download - print and cut Plato's solid Dodecahedron
Universe image of 11 dimensions plus the Plato's Hyperuranium

Scarica - stampa e ritaglia il Dodecaedro il solido Platonico
Immagine dell'universo di 11 dimensioni più L'Iperuranio di Platone